Progetto


Il progetto "Villa in rete"  è finanziato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile con l'avviso pubblico "Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici" e promosso da una ATS composta da: Associazione "A.Maslow" (capofila), Cooperativa Sociale Agorà Kroton, Alfa 21 sas, Circolo "CINALCI", Associazione Culturale "Gli Spalatori di Nuvole", in collaborazione con il Comune di Crotone.

L'ambito di intervento è quello della valorizzazione, della fruizione e gestione autosostenibile dei beni demaniali di proprietà della pubblica amministrazione.

Obiettivo generale del progetto è contrastare la riduzione e l'abbandono dello spazio pubblico, valorizzandone le funzioni di luogo di relazione, di incontro, di scambio, innalzando i valori ambientali e urbanistici, anche attraverso la professionalizzazione del lavoro creativo giovanile e integrando il messaggio artistico nel tessuto civile e sociale.

Il bene pubblico su cui il progetto interviene è la Villa Comunale, uno dei principali presìdi ambientali intorno al quale si è sviluppata nel corso degli anni l'identità storica dell'intera città di Crotone.

L'iniziativa si propone di riposizionare in questa area di pregio del centro storico della città di Crotone una serie di funzioni urbane superiori, offrendole al mondo dell'associazionismo, dell'innovazione sociale e dell'imprenditoria culturale, per rilanciare uno spazio dove realizzare progetti e sviluppare la creatività, favorendo il coinvolgimento dei cittadini come parte attiva di soluzioni concrete ai tanti problemi che oggi influenzano la qualità della vita della città.

L'idea è creare un HUB territoriale aperto alla partecipazione dell'intero sistema associativo e della cittadinanza attiva dell'area urbana per favorire l'incontro, la sosta e il passeggio della popolazione. Riassegnare alla Villa la funzione di un "grande parco" offre l'opportunità di creare un vero e proprio sistema di spazi e di relazioni umani, sociali e creative, per promuovere un nuovo modello di sviluppo equilibrato e sostenibile, connesso alla dimensione dell'intercultura e della cooperazione.





Ultimo aggiornamento: 26/01/2017 01:33:37